Tanuki Store

Henohenomoheji

Sì, lo so che guardando il titolo sembra che io abbia premuto dei tasti a caso sulla tastiera, ma non è affatto così.

Probabilmente in pochi ne avrete mai sentito parlare ma, quella strana parola, non rappresenta altro che una sequenza di simboli fonetici dell’alfabeto hiragana.
Che sono poi questi: へのへのもへじ

Ma cosa c’è di particolare in questi simboli?

Da un’usanza nata presumibilmente nelle scuole, posizionando quei simboli in modo particolare su un foglio è possibile ottenere un buffo volto umano.
Nello specifico abbiamo i 2  (no) a formare gli occhi, con le rispettive sopracciglia disegnate da 2 へ (he). Il naso è fatto con un  (mo), mentre la bocca è semplicemente un altro へ (he) di dimensioni più grandi. Infine abbiamo un enorme じ (ji) che serve a delineare il volto e dove il dakuten (il simbolo dei due trattini che distinguono lo し-shi dal じ-ji) fanno le veci dell’orecchio.

Col tempo questa rappresentazione di volto è diventata molto popolare e comune, dando vita anche a diverse varianti di espressioni (sostituendo alcuni ideogrammi).

I luoghi dove è molto comune trovare questo volto disegnato sono i teruterubozu e i kakashi. 
I primi sono i famosi fantasmini di stoffa che si appendono fuori dalla finestra per scongiurare la pioggia, mentre i secondo sono gli spaventapasseri.

 

Nel negozio del Tanuki è possibile trovare un originale bento box con protagonista il buffo faccione in hiragana. La caratteristica di questo design è quella di riuscire ad unire perfettamente la sobrietà di un bento dallo stile elegante, al lato più buffo e kawaii per chi conosce il significato di quei simboli.

 

Condividi su :

Facebook
WhatsApp
Twitter
Pinterest
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri articoli che potrebbero interessarti

LOGIN

Utenti Registrati

Informazioni sulla data di scadenza

Tutti i prodotti venduti sul sito non hanno una data di scadenza superata la quale il prodotto diventa pericoloso per la salute. Tuttavia, come tutti i prodotti alimentari, hanno una data di TMC (Termine Minimo di Conservazione) suggerita dal produttore. Superata questa data, i normali processi di alterazione del prodotto potrebbero influenzarne le qualità e le proprietà organolettiche, pur non pregiudicandone la sicurezza. Si suggerisce quindi di consumare il prodotto entro la data di TMC per poterne assaporare tutte le qualità originali. 

Per ovvie ragioni di variabilità sui singoli articoli, è impossibile indicare il termine minimo di conservazione tra le informazioni presenti sulla pagina del prodotto. Tutti i normali prodotti da dispensa venduti sul sito (come salse, condimenti, miso, ecc..), al momento della spedizione hanno, come minimo, almeno 90 giorni prima del raggiungimento di tale data. I prodotti con meno di 90 giorni alla data di TMC (ma comunque sempre superiori ai 30), li trovate in una sezione separata a prezzo scontato. Nel caso invece di snack o di prodotti monoporzione (patatine, dolcetti, instant ramen, bibite), di cui si presuppone un consumo nell’arco di pochi giorni, lo spostamento nella sezione scontata avviene a 60 giorni, mentre il ritiro dalla vendita avviene 15 giorni prima del raggiungimento della data di TMC. Queste informazioni vengono sempre indicate nella prima riga della descrizione del prodotto.

Si presti inoltre attenzione al fatto che, per uso comune in Giappone, occasionalmente questa data, potrebbe esse indicata in modo inverso rispetto a quello a cui siamo abituati. Quindi non secondo il canonico GG/MM/AA, ma AA/MM/GG.

seguici

sui nostri social!


Scopri i nuovi prodotti appena disponibili
Non perderti nessuna promozione
Resta aggiornato su eventuali iniziative