Tanuki Store

Manekineko

Il Manekineko () è una delle immagini simbolo più comuni che si associano al Giappone. Anche se magari molti non ne conoscono il nome, tutti conoscono questa famosa statuetta del gatto portafortuna con la zampina alzata. Ma in quanti ne conoscono il significato e da dove nasce questa leggenda? Continuando a leggere, potrete presto scoprilo.

Ma partiamo dal nome: Questo deriva dall’associazione dei termini maneki き (invito) e neko 猫 (gatto). La traduzione risulta quindi essere: Gatto che invita.  Il gesto fatto con la zampina alzata, che in molti confondono con un saluto, è infatti un cenno di richiamo che rimanda a diversi racconti e leggende tradizionali da cui è nato il mito di questa statuetta.

Le origini della leggenda

Tra le storie che sembrano aver dato origine alla leggenda del manekineko, la più famosa risale sicuramente al periodo Edo. Siamo nella periferia di Tokyo, nella zona di Setagaya per la precisione, dove un umile monaco vive in condizione di povertà in un piccolo tempio malandato. Nonostante la vita fatta di stenti, il monaco non faceva mai mancare il cibo al suo fedele compagno felino che amava e curava come fosse un figlio.

In una giornata tempestosa, un ricco signore feudale di trovo a passare nei pressi del tempio e notando la pioggia scrosciante cadere sempre più intensamente decise di trovare riparo sotto un grosso albero. Mentre attendeva che la pioggia si placasse, notò il gatto seduto di fronte alla porta del tempio che, nei suoi tipici gesti felini, sembrava fare un cenno con la zampina, come se lo stesse invitando ad avvicinarsi. Incuriosito dalla cosa decise di avvicinarsi al gatto e proprio in quel momento, un fulmine colpì l’albero alle sue spalle, sotto il quale si stava riparando poco prima. Il facoltoso signore interpretò il gesto come un tentativo del gatto di salvargli la vista e decise quindi, in segno di gratitudine, di donare al monaco parte dei suoi averi, portando prosperità al tempio.

Esistono altre varianti della storia con samurai in cerca di riposo durante i viaggi ma tutte con l’elemento comune del gatto che invitava i viandanti a trovare ristoro.

Per questo motivo, i messaggi che il manekineko trasmette sono: Nel caso dei passanti, un invito ad accomodarsi e trovare ciò di cui hanno bisogno; mentre, per chi ospita, la speranza di avere maggiore prosperità.

Una piccola curiosità è che il tempio della leggenda, il Gotokuji (大谿山 豪徳寺) di Setagaya, è ancora oggi molto famoso e meta di visite turistiche per via delle centinaia di statuette di manekineko che richiamano la leggenda.

Forma e accessori del manekineko

Il Manekineko, nella sua forma più tradizionale, si presenta come una gattino di razza calico (ovvero bianco con le chiazze rosse e nere), seduto e con la zampina sinistra sollevata. Altri elementi tipici sono il collare rosso  con campanellina (tipico accessorio usato per identificare i gatti delle famiglie benestanti nel periodo Edo) e una grossa moneta sotto la zampa destra, detta il Koban. In relazione a questa moneta ci sarebbe da aggiungere una piccola curiosità:

In Giappone, il nostro famoso detto “dare perle ai porci” è sostituito da “neko ni koban”, ovvero “dare l’oro al gatto”.

Versioni e colori

Come abbiamo visto, il significato del manekineko originale è quello di invitare genericamente la fortuna, trovando ciò di cui si ha bisogno. Nel tempo però si sono sviluppate delle varianti (in base alla posizione delle zampine e al colore del gatto) per veicolare dei messaggi più specifici.

La versione con la zampina sinistra alzata è oggi più comunemente considerato come simbolo di accoglienza o portafortuna per attirare clienti mentre, quello con la zampina destra, sembrerebbe portare salute e fortuna. Si dice anche che, in base a quanto sia alzata la zampa, maggiore sarà la fortuna portata o il raggio d’azione.
Per non farsi mancare nulla, esiste anche la versione con entrambe le zampine alzate, spesso associato alla protezione della casa e degli affari.

Oltre alla posa, esistono molte varianti di colore con interpretazione spesso non univoche. Le più comuni sono le seguenti:

  • Calico: Il tradizionale associato alla fortuna perché associato alla rarità della razza.
  • Bianco: Simbolo di purezza che porta positività e felicità.
  • Oro: Come facilmente intuibile, la versione dorata porta ricchezza.
  • Nero: Viene considerato un amuleto usato per scacciare gli spiriti maligni ma, secondo alcuni, si associa anche alla protezione dalle malattie. Si usa regalarlo in occasione di una nascita.
  • Rosso: Secondo l’interpretazione più comune servirebbe per proteggere la salute dalle malattie ma secondo alcune interpretazioni è legata al successo in amore.
  • Rosa: Probabilmente nata versione romantica specifica per portare l’amore, viste le duplici interpretazioni della versione rossa. Si regala spesso a San Valentino ma anche a natale o al compleanno.
  • Blu: Essendo il colore dell’intelligenza nel Feng Shui, si associa al successo negli studi. Ma si dice che, migliorando la calma e la capacità di giudizio, aiuti nel trovare un buon lavoro e nella sicurezza stradale.
  • Verde: E’ il colore Feng Shui che porta la pace nella mente e quindi è anch’esso associato al successo negli studi ma è anche simbolo di sicurezza; quindi è usato a protezione della famiglia, sicurezza domestica e nel traffico. Viene anche usato come regalo per la festa della mamma e del papà o come segno di rispetto per gli anziani.
  • Viola: Sana longevità e successo. Consigliato per le inaugurazioni.

Condividi su :

Facebook
WhatsApp
Twitter
Pinterest
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri articoli che potrebbero interessarti

LOGIN

Utenti Registrati

Informazioni sulla data di scadenza

Tutti i prodotti venduti sul sito non hanno una data di scadenza superata la quale il prodotto diventa pericoloso per la salute. Tuttavia, come tutti i prodotti alimentari, hanno una data di TMC (Termine Minimo di Conservazione) suggerita dal produttore. Superata questa data, i normali processi di alterazione del prodotto potrebbero influenzarne le qualità e le proprietà organolettiche, pur non pregiudicandone la sicurezza. Si suggerisce quindi di consumare il prodotto entro la data di TMC per poterne assaporare tutte le qualità originali. 

Per ovvie ragioni di variabilità sui singoli articoli, è impossibile indicare il termine minimo di conservazione tra le informazioni presenti sulla pagina del prodotto. Tutti i normali prodotti da dispensa venduti sul sito (come salse, condimenti, miso, ecc..), al momento della spedizione hanno, come minimo, almeno 90 giorni prima del raggiungimento di tale data. I prodotti con meno di 90 giorni alla data di TMC (ma comunque sempre superiori ai 30), li trovate in una sezione separata a prezzo scontato. Nel caso invece di snack o di prodotti monoporzione (patatine, dolcetti, instant ramen, bibite), di cui si presuppone un consumo nell’arco di pochi giorni, lo spostamento nella sezione scontata avviene a 60 giorni, mentre il ritiro dalla vendita avviene 15 giorni prima del raggiungimento della data di TMC. Queste informazioni vengono sempre indicate nella prima riga della descrizione del prodotto.

Si presti inoltre attenzione al fatto che, per uso comune in Giappone, occasionalmente questa data, potrebbe esse indicata in modo inverso rispetto a quello a cui siamo abituati. Quindi non secondo il canonico GG/MM/AA, ma AA/MM/GG.

seguici

sui nostri social!


Scopri i nuovi prodotti appena disponibili
Non perderti nessuna promozione
Resta aggiornato su eventuali iniziative